mercoledì 30 giugno 2010

Counselor Olistico Dott. Giuseppe Mirabella

BENVENUTI !


Non nascondere il segreto del tuo cuore,amico mio! Dillo a me, solo a me,in confidenza.Tu che sorridi così gentilmente,dimmelo piano,il mio cuore lo ascolterà,non le mie orecchie.La notte è profonda,la casa silenziosa,i nidi degli uccelli tacciono nel sonno.Rivelami tra le lacrime esitanti,tra sorrisi tremanti,tra dolore e dolce vergogna,il segreto del tuo cuore. TAGORE




SIAMO LIBERI; alla mente, non si possono recidere le ali!




video

Una notte un uomo vide un ragazzo che, a quattro zampe, cercava qualcosa in un angolo della strada.
"Hai perduto qualcosa ? " domandò.
" Sì, ho perso mezzo dollaro proprio là " rispose il ragazzo indicando un luogo a mezzo isolato da lì. " E allora perchè lo cerchi qui ? "
"Perchè c'è una luce migliore ! "
La natura umana vuole evitatre i disagi. Se cercare in un luogo diventa disagevole, istintivamente ce ne andiamo da lì e cominciamo a cercare in un altro posto. Sfortunatamente, perdiamo molto tempo e facciamo sforzi inutili. Si perdono molta fede e pazienza se si cercano monete egizie nel deserto sbagliato. Se siete coscienti di avere una certa tendenza a cercare qualcosa dove la luce è migliore invece di cercarla nel luogo dove l'avete persa, perchè preferite fare quello che vi risulta più comodo, forse non vi sbaglierete nel concludere che sarebbe più semplice per voi chiedere aiuto al counselor che vi guida a cercare nel posto giusto. ( Abraham J. Twerski 2006 )

I
Cammino lungo una strada.
C'e' una buca profonda nel marciapiede.
Ci casco dentro.
Sono perduta... Sono disperata.
Non e' colpa mia.
Ci metto una vita per trovare una via di uscita.
II
Cammino lungo la stessa strada.
C'e' una buca profonda nel marciapiede.
Faccio finta di non vederla.
Ci casco dentro ancora.
Non posso credere di essere ancora nello stesso posto.
Ma non e' colpa mia.
Mi ci vuole ancora un sacco di tempo per uscirne.
III
Cammino lungo la stessa strada.
C'e' una buca profonda nel marciapiede.
La vedo benissimo.
Ci casco dentro di nuovo... è un'abitudine.
I miei occhi sono aperti:
So dove sono.
E' colpa mia.
Ne esco immediatamente.
IV
Cammino lungo la stessa strada.
C'e' una buca profonda nel marciapiede.
Ci passo intorno.
V
Cammino per un'altra strada (Autobiografia di Portia Nelson)



'O culore d'e pparole
Quant'è bello 'o culore d'e pparole
e che festa addiventa nu foglietto,
nu piezzo 'e carta - nu' importa si è stracciato e po' azzeccato -
e si è tutto ngialluto p' 'a vecchiaia,
che fa?
che te ne mporta?
Addeventa na festa si 'e pparole ca porta scritte
so' state scigliute a ssicond' 'o culore d' 'e pparole.
Tu liegge e vide 'o blù
vide 'o cceleste
vide 'o russagno 'o vverde 'o ppavunazzo,
te vene sotto all'uocchie ll'amaranto si chillo c'ha scigliuto
canusceva 'a faccia 'a voce e ll'uocchie 'e nu tramonto.
Chillo ca sceglie, si nun sceglie buono, se mmescano 'e culore d' 'e pparole.
E che succede?
Na mmescanfrancesca 'e migliar' 'e parole,
tutte eguale e d' 'o stesso culore:
grigio scuro.
Nun siente 'o mare, e 'o mare parla, dice.
Nun parla 'o cielo, e 'o cielo è pparlatore.
'A funtana nun mena.
'O viento more.
Si sbatte nu balcone, nun 'o siente.
'O friddo se cunfonne c' 'o calore e 'a gente parla cumme fosse muta.
E chisto è 'o punto: manco nu pittore po' scegliere 'o culore d' 'e pparol. (E. De Filippo)







Giuseppe Mirabella Crea il tuo badge

Benessere, Counselor - Coach
Counseling Italia

Sito





IO SONO UN AFFIDABILE

I miei feedback:
Ti Ascolto